giovedì 19 gennaio 2017

È che quando ti ritrovi una certa faccia...


Solo pochi nerd si sono accorti della scomparsa di Miguel Ferrer, che ha fatto fermare il suo totalizzatore personale a 61 nel mese più freddo e ingrato dell'anno.
Lo notai per la prima volta tra l'equipaggio dell'Enterprise in Star Trek III: alla ricerca di Spock, ma se chiedete a qualsiasi nerd (o a me), lui è (o era) Robert Morton, "papà" del progetto RoboCop nell'omonimo cult di Paul Verhoeven.
Quella faccia un po' così lo rendeva adatto a ruoli sgradevoli in cui Hollywood sembrava averlo condannato a vita: oltre il meschino Morton, posso citare il suo agente Rosenfield inTwin Peaks Fuoco cammina con me, il vigliacchissimo Snider di Creatura degli Abissi e soprattutto la sua parte da protagonista in The Night Flyer (una piccola produzione anni novanta tratta da un racconto breve di Stephen King), che senza Ferrer sarebbe rimasto un tv movie senza niente da ricordare. 
Insomma, alla fine quel vecchio stronzo di Dick Jones gli è sopravvissuto.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...