domenica 25 novembre 2018

Idee per una collana di sci-fi.

Che l'editoria sia in crisi me lo ripetono fin da quando sono ragazzino, e credetemi, quando ero ragazzino io di digitale esistevano solo le impronte, il cellulare era quello dei Carabinieri, nei film di fantascienza c'erano tubi catodici dappertutto e signora mia una volta qua era tutta campagna.
Ammetto che se dovessi campare (solo) di quella sarei morto di stenti da un pezzo, ma niente mi impedisce di giocherellare ogni tanto e progettare collane e copertine e layout di roba che – perché no – mi piacerebbe vedere comparire sugli scaffali.
Di certo esiste già qualcosa del genere, ma una serie di tascabili dedicati ai grandi classici della fantascienza, senza troppi fronzoli ma curata, copertina cartonata, piccolo formato e diffusione nelle edicole, supermercati, aeroporti e stazioni qualche volenteroso editore potrebbe metterla in cantiere... magari in abbinamento a un quotidiano o un periodico.

Si potrebbe iniziare con Forbidden Planet, che nasce come trasposizione letteraria della sceneggiatura del film omonimo scritta da Cyril Hume come rielaborazione di un racconto di Irvin Block e Allen Adler... a sua volta liberamente ispirato a La tempesta di Shakespeare (lo so, è un giro tortuoso, ma alla fine funziona).
Pubblicato per la prima volta nel 1956, lo stesso anno di uscita del film, Urania lo fece uscire nel nostro Paese a tre riprese (nel 1957, nel 1977 e nel 2012).

Detto tra noi, dal punto di vista strettamente letterario non è una roba imperdibile... è poco più che la sceneggiatura del film divisa in otto capitoli narrati in prima persona dai tre protagonisti – più una premessa ed un poscritto costituiti da brevi estratti da un fantomatico Compendio ad uso degli studenti, ma è comunque un piccolo classico e potrebbe benissimo dare il via a una collana economica atta a rilanciare la sci-fi tra i più giovani e i meno giovani.
Per la copertina, sono partito da QUESTA foto, mentre i titoli sono composti in Pottery Barn, font free disegnata da Michael A. Hernandez Jr.
Qualche idea per i prossimi titoli?

1 commento:

Sauro ha detto...

A parte che di fantascienza comprerei "la qualunque", il tuo progetto grafico è (come al solito) molto bello.
Manterresti quel colore verdino in alto per tutti i libri o cambierebbe? In entrambi i casi non starebbe affatto male, su uno scaffale.
Per i prossimi titoli suggerirei:
- Il ciclo della fondazione di Asimov: Cronache della Galassia, il crollo della Galassia centrale e L'altra faccia della spirale.
- Dune di Frank Herbert (tutta la serie)
- Fanteria dello Spazio di Heinlein
- La Guerra dei Mondi di Wells

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...