lunedì 22 novembre 2010

Il meglio di due mondi.

Ultimate, la nuova raccolta dei Pet Shop Boys, è arrivata anche in Italia in questi giorni nella sua doppia versione in solo cd o in cd+DVD (quest'ultima versione parecchio appetibile per il sottoscritto, in quanto contiene ben 27 performance televisive uscite dagli archivi della BBC, che coprono altrettanti singoli da West End girls a I'm with stupid).
E io non l'ho ancora comprata.
Ma non è di questo che voglio parlarvi.
È che stamattina, prima di raccattare le mie cose sparse per casa (borsa, iPad, iPhone, libro che sto cercando faticosamente di leggere ai semafori rossi, chiavi, pennetta USB, iPod, occhiali da sole che sole ormai non ce n'è ma non si può mai sapere) mi è caduto lo sguardo su una piccola pila di CD col post-it "duplicare"... e quello giusto in cima era Battleship Potemkin, la riscrittura che i Pet Shop Boys compirono nel 2005 della colonna sonora della Corazzata Potemkin, uno dei capisaldi della cinematografia sovietica del secolo scorso.
Seguendo un impulso del momento, lo prendo e lo ficco nella borsa.
Quindi mi inserisco nel traffico del mattino sulla Flaminia e infilo il cd nel player della Aygo.
Mi ero scordato quanto era bello questo disco.
In parecchi hanno già provato a mescolare le sonorità di un'orchestra sinfonica con gli strumenti elettronici, dando origine a risultati, diciamo così, alterni.
I toni descrittivi (relazionati alle immagini del film), la tensione, il dramma, sono cose che non si possono prescindere quando si scrive una colonna sonora di un film di questo genere… ed è per questo che, per un gruppo dichiaratamente pop, che da sempre ha fatto un uso estensivo ma creativo dell'elettronica, la sfida era particolarmente stuzzicante.
Sfida, per quello che mi riguarda e come ormai avrete capito, vinta su tutta la linea, senza appelli e senza discussioni.
Non credo di sbilanciarmi troppo se affermo, senza tema di smentita, che Battleship Potemkin è il miglior connubio mai registrato su CD tra due generi, il meglio di due mondi, una fusione completa, pacifica, superiore alla somma delle parti.
Difficile o quasi impossibile da reperire nei negozi, ma abbastanza facilmente su eBay, Battleship Potemkin meriterebbe una riedizione per farla conoscere a tutti quanti se la sono persa, e – magari – una copertina migliore, tipo quella (ri) pensata da me (e che vedete in apertura di questo post).
Nel caso, Chris, Neil, fate un fischio, è vostra per una birra presa assieme in un pub di vostra scelta.

5 commenti:

elgraeco ha detto...

Questo mi è nuovo. E quel nome Potemkin, fa sempre un certo effetto...
Sì, anche a causa di quella famosa battuta.
Mi sa che lo prendo.

;)

Gloutchov ha detto...

E io che, per un attimo, ho creduto ti fossi comprato il Bluray del film originale sulla Corazzata Potemkin!! :D
Moooolto meglio il CD dei Pet Shop Boys ^_^ Bellissimo album, concordo.

CyberLuke ha detto...

Macché, il film non l'ho mai visto neanche tutto.
Anche se ho la tentazione di recuperarlo e guardarlo con questo disco sotto.
@Gloutchov: sono stupito che in Italia, oltre me, ci sia qualcun altro che conosca questo disco.

Maura ha detto...

Molto bella la tua rivisitazione della copertina.
Quanto al disco, chissà, magari mi capiterà di ascoltarlo e tornerò qui a lasciare un commento, ad ogni modo la sperimentazione è sempre una buona cosa... dovrebbero essere in più a compierne.

Uapa ha detto...

This is no time for tears, though our hearts are bleeding...
Mi piace questo disco. E mi è piaciuto guardare il film, sincronizzandolo con l'audio dei PSB, mai provato? ^^
PS:Nel caso, mi rifai un fischio anche a me? Magari vi servo io le birre X)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...