mercoledì 28 agosto 2013

Scova i pericoli prima che si presentino.

C'è questa berlina Mercedes.
È quasi il 1900, e, sì, non dovrebbe esistere nemmeno la Mercedes, state zitti, non è importante.
La berlina fila come un silenzioso proiettile d'argento per il villaggio austriaco di Braunau am Inn, seguita dallo sguardo dei presenti.
A un certo punto, due ragazzine attraversano incaute.
Ma niente paura: la Mercedes Scova i pericoli prima che si presentino, almeno così recita lo spot. Un dispositivo anticollisione basato su sensori di prossimità blocca l'auto prima della tragedia.
O anche no.
Peccato che non si tratta di uno spot Mercedes, ma della tesi di laurea di Tobias Haase, Jan Mettler e Lydia Lohse, studenti dell’accademia del cinema di Ludwigsburg, in Germania.
E alla Mercedes non è piaciuto neanche un po'… chissà perché. 
Imperdibile.

14 commenti:

LaPulce ha detto...

Ad un primo impatto (PulceSimpaticona) ci resti male per il bimbo, poi associ il nome e ti compare un sorrisino malefico.

Dan90 ha detto...

Non so, a me ha fatto schifo. Ha il pregio di non farsi dimenticare, ma non è un ricordo positivo. IMHO, ha fatto bene la Mercedes a dissociarsi.

Fra ha detto...

"Scova i pericoli prima che si presentino"...
Bellissimo!!

Simone ha detto...

Secondo me è carino ma tende un po' troppo al fantastico senza mostrare una reale caratteristica dell'auto (non è che la macchina possa accelerare da sé, nel caso serva). Forse più per l'idea in sé non è piaciuto per questo?

Simone

LUIGI BICCO ha detto...

L'ho visto settimana scorsa. Sai che non so cosa pensarne? Un bambino morto sull'asfalto è indubbiamente una figura forte, ma il finto spot vuole giocare proprio su quel contrasto.

Forse mi ha dato l'impressione di aver sprecato qualcosa. Mi ha dato fastidio ad esempio il frame velocissimo con la foto di Hitler. Non ci fosse stata e avessero fatto affidamento solo sulla madre che urla il nome "Adolf", probabilmente sarebbe stato molto più efficate.

Quel frame buttato lì, ammazza un po' la sorpresa, non so.

Larsen ha detto...

ovvio che alla mercedes non sia piaciuta :D:D erano fornitori ufficiali del reich! :D

CyberLuke ha detto...

@Luigi: quasi certamente hai ragione.
Quel fotogramma era superfluo.
@Simone: infatti, non è che accelera, semplicemente non si ferma. ;)
@Larsen: sarà scaduta l'ìopzione, ormai, mi sa. ;D

Anonimo ha detto...

visto qualche giorno fa.
l'ho trovato geniale ed intelligente.
ovvio che alla mercedes non possano avallarlo, per la stessa ragione per cui anni fa l'audi si dissociò da uno spot che proponeva di pubblicizzarne le basse emissioni con un fallito suicidio.
ma la verità è che al mondo ci sono un sacco di persone che riempiono il loro (troppo) tempo libero cercando qualcosa per cui indignarsi.
io personalmente arroterei in quinta e poi in retromarcia gran parte degli infanti che trovo al supermercato, e poi mi dedicherei ai genitori onde scongiurare la possibilità di dover ripetere la seccante pratica (con conseguente altrettanto seccante fermata in carrozzeria...).
quindi, per quanto mi riguarda, la frase "scova i pericoli prima che si presentino" è chiara, sufficiente e brillante spiegazione alla vista del cadaverino.
ma appunto, sembra che molti abbiano tanto tempo libero.
forse la scrittina "nessun marmocchio è stato maltrattato o ucciso nelle riprese di questo spot" avrebbe calmato la sensibilità di plastica di molti scandalizzabili, così da permetter loro di tornare serenamente ad insultare il tifoso dell'altra squadra, dell'altro partito politico, quello che gli ha rubato il parcheggio o gli ha fatto notare che non si può fumare...


F

PS: sì, il frame esplicativo non c'entrava una mazza... vabbè 9,5 dai...

Anonimo ha detto...

Ma nessuno ha notato la SVASTICA?
Secondo me da sola vale tutto lo spot e, certamente, rende superfluo il frame col baffetto.

Per onor di cronaca, comunque, Adolf, prima di diventare cancelliere, in un incidente stradale FU investito da un camion, mentre si trovava in macchina con il suo autista. Quest'ultimo morì mentre lui non si fece un graffio.
O, almeno, così dice la storia.
Più probabilmente fu sostituito da un sosia di Paul McCartney.

Nonu Aspis

P.S.: e comunque non si può fare il processo alle intenzioni: a quell'epoca era completamente innocente, bene ha fatto Mercedes a dissociarsi. Certo che se avessi un Delorean, invece...

CyberLuke ha detto...

@Nonu: non sei il primo a pensare ad un omicidio retroattivo e "correttivo" di Adolf Hitler.
Qualcun altro (non ricordo proprio chi), vi scrisse il solito racconto di sci-fi, dove il protagonista tornava al presente, tutto felice dell'impresa compiuta, solo per essere sommariamente giustiziato perché il suo omicidio del futuro führer aveva permesso ad un altro uomo, ancora più terribile di Hitler, di prendere le redini del Paese e commettere genocidi persino più efferati, istituendo una dittatura globale che aveva fatto retrocedere l'Europa di secoli.
Insomma... l'effetto farfalla è una brutta bestia. Non addomesticabile. ;)

Anonimo ha detto...

Rumore di Tuono di Ray Bradbury è un bell'esempio.

Ma la svastica, insomma, non si nota proprio o è così banale che non dovevo nemmeno nominarla e mi stai risparmiando una figuraccia ? ;)

N.A.

CyberLuke ha detto...

Beh, la svastica è un po' didascalica (per la serie: ehi, se non l'avete capito, questo ragazzino dall'aria innocente era il figlio di buona donna che causò l'ascesa del nazionalsocialsmo), ma non ci sta male per niente.
Anzi, un piccolo tocco di classe in più.

Matteo ha detto...

L'idea è molto intelligente, la realizzazione troppo disturbante, a mio avviso. Poi certo, c'è chi come F si compiace del suo cinismo a buon mercato condito di qualunquismo spicciolo, ma per noialtri molto meno intelligenti e con l'ego meno gonfio può risultare una violenza gratuita e difficilmente accettabile.

Matteo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...