mercoledì 24 settembre 2014

Dove, sei, papà?

Da buon ultimo, "scopro" il videoclip di Papaoutai, che quest'anno vince tutto, per quanto mi riguarda, in termini di regia, coreografie e scenografie. E persino la canzoncina non è male per niente.

Dedicato a mio padre, ovunque si trovi.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

canzoncina? Stromae qui in francia viene venerato. Ed il testo della canzone è leggero ma non banale, adatto al video stesso. Prova a cercarne la traduzione ;)

CyberLuke ha detto...

Già fatto.
Per "canzoncina" intendo che è un pezzo orecchiabile, danzereccio, commerciale. Ma non in senso dispregiativo, stavolta.
E, sì, il video è pieno di simbologie e interpretazioni possibili.

Dama Arwen ha detto...

Uddio, ma quanto è snodato il tipo in bicicletta che fa il postino?

Io non amo i videoclip, durano troppo e dopo un po' mi annoiano. Però l'ho visto fino allla fine e non mi è dispiaciuto. Trovo la seconda metà migliore della prima. I colori sono interessanti il resto mi dà una sensazione strana, non proprio alla Willy Wonka ma quasi.

LUIGI BICCO ha detto...

L'ho sentita diverse volte in radio. Orecchiabile, si, ma non mi fa impazzire. Un applauso alle coreografie e alle scenografie ci sta tutto, invece.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...