venerdì 27 gennaio 2017

Idee per il prossimo MacOS.



C'era una volta System 7. 
Che, a riguardarselo oggi, potrà sembrare ai più una roba un po' primitiva e statica, ma conteneva numerose finezze di quelle che facevano la differenza con Windows e si facevano perdonare blocchi di sistema, zero multitasking, conflitti tra Estensioni e altre robe che generalmente noi Mac Users tacevamo quando si trattava di fare i confronti con i seguaci di Gates.
Una di quelle era il posizionamento automatico di cui si occupava il Finder quando si trascinava della roba (font, pannelli di controllo o estensioni) sull'icona della Cartella Sistema: secondo la vecchia filosofia di madri e nonne, ogni cosa al suo posto, era il Mac che metteva i file dove andavano messi, si faticava zero, non ci si poteva sbagliare ed erano tutti felici.
Ora, sarebbe bello che, in una delle prossime versioni di MacOS, qualcuno reintroducesse quella feature, e pazienza se il marketing Apple me la spaccerebbe come nuova di zecca: io farei finta di non ricordare e ringrazierei pure.
In particolare, gradirei parecchio che, collegando il mio iCoso al Mac (fosse un iPhone, un iPad o un iPod Touch), questo lo montasse sulla Scrivania come un qualsiasi altro supporto di memoria e mi consentisse di trasferirci sopra i miei file con quel drag & drop a cui mi ha abituato fin dal 1984, piuttosto che lanciare iTunes, selezionare separatamente filmati, foto, suonerie e musica e dirgli di sincronizzare.
Diciamolo: è una rottura, una serie di passaggi inutili, una complicazione alla Windows.
Drag & Drop: semplice, immediato e trasparente.
Stessa cosa, nell'altro senso: navigo il contenuto del mio dispositivo come fosse un disco del Finder, cancello, copio o condivido tutto quello che voglio.
E, sai che c'è, Apple?, voglio renderti le cose davvero facili, e ti pubblico questo screenshot (sono partito da QUESTO concept). Qui c'è tutto.
Ci conto, eh. Puoi farcela.
Grazie.

1 commento:

LUIGI BICCO ha detto...

Non credo di aver capito quale sia esattamente il problema, ma solo perché non ho "esperienza" in merito. Nell'unico periodo in cui ho avuto un iPod, ho avuto effettivamente delle difficoltà nel farlo "dialogare" con il mac. Fino a quando ho scoperto il lavoro certosino che si deve effettuare nel taggare ogni minimo elemento fino allo spasimo. In quel caso funzionava tutto a meraviglia e le cose passavano da una parte all'altra senza problemi.
Ma credo tu ti riferisca ad un prblema software e in particolare alle funzionalità dell'ultimo OS. Lo conosco pochissimo e fino ad ora non è che ne abbia sentito parlare bene (a partire dal fatto che, in generale, è bello pesante da far girare).
Ma me ne accorgerò presto, visto che (ahimé) ho dovuto ordinare un iMac di ultimissima generazione :|

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...