giovedì 22 gennaio 2015

[Recensione] 12 Monkeys: season premiere.


Se Fargo, Minority Report, Scream e, sembrerebbe, anche Shutter Island sono o stanno per diventare delle serie televisive, non vedo perché avrebbe dovuto essere una cosa impossibile da fare anche per L’Esercito delle 12 Scimmie.
L'importante era condurre l'operazione con un minimo di mestiere e un pelo di creatività, cercando di non mascherare in maniera goffa o poco professionale la mancanza di mezzi (e di un nome come Terry Gilliam al timone, s’intende).

Purtroppo il pilot della nuova serie targata Syfy basata sullo splendido film del 1995 (a sua volta adattamento del corto La jetée di Chris Marker) non è risultato neanche lontanamente migliore della fiacca anteprima diffusa dalla Rete per promuoverla.
Quarantasei (quasi ininterrotti) minuti di primi piani di teste parlanti (e questa non è che sia necessariamente una colpa, ma lo diventa nel momento in cui i dialoghi sono talmente risibili e mal scritti da annoiare a morte… nonostante si parli di uno degli argomenti più stuzzicanti della sci-fi, e cioè salti temporali e un’apocalisse da sventare), e nessuna, dico nessuna idea (o volontà di farsene venire) di trasformare i propri limiti produttivi in segni di stile (come ha fatto Dennis Kelly col suo meraviglioso Utopia, per esempio), servendoci una produzione brutta, sciatta, con facce scelte a caso, location di una povertà imbarazzante ed effetti visivi che potreste mettere insieme col vostro iPhone e un paio di app da pochi euro.
Non c’è un campo lungo, una carrellata, una fotografia degna di questo nome, uno stacco di montaggio decente, una trovata, nulla.
La voglia di averne ancora, che dovrebbe essere il primo obiettivo di qualsiasi pilot, è pari a zero.
Insomma, quarantasei minuti della mia vita buttati... per non parlare dell’occasione sprecata.
Come direbbero i giudici di Masterchef: per me, è no.

3 commenti:

Dama Arwen ha detto...

Se hai la forza di esternare il tuo disappunto sulla serie, direi che ieri è andato tutto bene! :-PPPP

Marco Goi ha detto...

Io ero già pronto a massacrarla, come hai fatto tu, visto che quel capolavoro di film non andava toccato, e invece a sorpresa non mi ha fatto incazzare e mi ha intrattenuto abbastanza.
L'ho trovato un rifacimento, per quanto inutile e con tutti i suoi limiti, decisamente rispettoso dell'originale.
Per me, pur con qualche riserva, è sì. :)

paroleperaria ha detto...

Io non l'ho vista e non credo lo farò, ma la serie tv di Shutter Island mi incuriosice non poco.